Archivio per ‘segnalazioni’ categoria

Le nostre ragioni del NO – Video

21 novembre 2016

 

Guarda il video su Radio Radicale

Palermo, 16 novembre. Smuraglia e Renzi: “ Una giornata particolare”.

19 novembre 2016

Palermo, 16 novembre. Smuraglia e Renzi: “ Una giornata particolare”.

di Domenico Stimolo

 

Si sono “visti” da lontano…… nella stessa città, Carlo Smuraglia e  Matteo Renzi. Il Presidente del Consiglio è tornato ancora in Sicilia e nel capoluogo. Un giro frenetico, con molti appuntamenti.  Con bene aperto il “cordone della borsa” e…. lo smartphone in prima fila per acchiappare il sorriso condiviso. Tutto “va bien”, anche nella nominale azione che richiama il giovane eroe civile Peppino Impastato,  ucciso dalla mafia. Come avvenuto nel rapido passaggio a Cinisi ( luogo dell’assassinio del militante di Democrazia Proletaria). La vista ai Cantieri Navali di Palermo è “ saltata”. Davanti al sito industriale c’era una forte manifestazione di protesta.

Nei fatti, una pura coincidenza temporale. in questa ultima fase che precede di meno tre settimane il voto sul referendum che si terrà il 4 dicembre.

Carlo Smuraglia, austero ed energico novantatreenne Presidente nazionale dell’ANPI, venuto a Palermo per sostenere il NO referendario, in una giornata lunga ed intensa, caratterizzata da entusiasmi democratici e  partecipazione. Continua a leggere: Palermo, 16 novembre. Smuraglia e Renzi: “ Una giornata particolare”.

“7 minuti“: al cinema ….ritorna la classe operaia

10 novembre 2016

Proprio in questi giorni ritorna sugli schermi la mitica classe operaia. Relegata, ormai, nelle rappresentazioni culturali, nell’informazione e nello spettacolo, all’archeologia  sociale.

Eppure, gli appartenenti, donne e uomini, sono ancora ben presenti nelle variegate e complesse strutture lavorative del Paese. Operai ed  impiegati. Quest’ultimi  in gran parte considerati di “basso rango”, senza identità specifica. Sono in molti, milioni di “unità”, che quotidianamente, ormai quasi del tutto silenti, “sciamano” da casa al posto di lavoro. Dalle fabbriche ai cantieri edili, dagli ipermercati ai “non luoghi” della logistica e delle campagne, dai call center agli “anonimi” uffici.  La paga media, come ben noto, è tra le più basse in assoluto a livello europeo, giusto per la sopravvivenza, senza sciali e spassi. Mentre impazzano le pubblicità del lusso. E i disoccupati stanno a guardare. Continua a leggere: “7 minuti“: al cinema ….ritorna la classe operaia

Assemblea Pubblica: Le nostre ragioni del NO

11 ottobre 2016

View post on imgur.com

Devono tornare al lavoro i cinque lavoratori FCA licenziati a Pomigliano

30 settembre 2016

Devono tornare al lavoro i cinque lavoratori FCA licenziati a Pomigliano

 

Così nei fatti hanno sentenziato i giudici della Corte d’Appello del Tribunale di Napoli:

PIENO DIRITTO «…..alla reintegrazione dei lavoratori nel pregresso posto di lavoro, nonché al risarcimento del danno nella misura massima di dodici mensilità di retribuzione, calcolate sulla base dell’ultima retribuzione percepita, oltre ai versamenti contributivi, previdenziali e assistenziali».

Si è così conclusa la drammatica vicenda dei cinque lavoratori (Roberto Fabbricatore ,Marco Cusano, Mimmo Mignano, Antonio Montella, Massimo Napolitano)  licenziati il 20 giugno 2014.

Erano “accusati” di avere partecipato alla manifestazione svoltosi il 5 giugno di quell’anno a Pomigliano d’Arco ( ripetuta a Napoli davanti all’edificio della Tv pubblica Rai e, poi, cinque giorni dopo davanti al “Vico”) a seguito del tragico suicidio della lavoratrice di Maria Baratto.

“Avevano messo in scena” con l’utilizzo di un manichino il suicidio dell’ a.d. di Fca  Sergio Marchionne.

Prima di Maria si era suicidato Pino De Crescenzo. Altri avevano tentato l’estremo atto di disperazione. Lavoratori in cassa integrazione,  tormentati dalla situazione determinatosi a seguito della ristrutturazione effettuata che, tra l’altro, aveva  operato lo spostamento di un consistente numero di lavoratrici  e lavoratori  dai reparti produttivi ( “Vico” –  ex stabilimento Alfa sud, denominato Gianbattista Vico, dedicato alla costruzione della Fiat-Panda) alla struttura logistica di Nola ( Wcl) che non aveva affidata una specifica  mansione nel complessivo sistema produttivo.

316 lavoratori erano stati spostati al “Wcl”, dopo un lunghissimo periodo di cassa integrazione.

Ha vinto, alfine, il pilastro  fondamentale che regge la nostra Costituzione: “ verità, giustizia, democrazia”.

All’udienza del 20 settembre i cinque lavoratori licenziati si  erano recati al Tribunale accompagnati da centinaia di cittadini, in fiducioso corteo.

D.S.

Raniero LA VALLE: La verità sul referendum

24 settembre 2016

 

Discorso tenuto il 16/09/2016 a Messina nel Salone delle bandiere del Comune in un’assemblea sul referendum costituzionale promossa dall’ANPI e dai Cattolici del NO e il 17/09/2016 a Siracusa in un dibattito con il prof. Salvo Adorno del Partito Democratico, sostenitore delle ragioni del Sì.

 
Continua a leggere: Raniero LA VALLE: La verità sul referendum

In memoria di Abd Elsalam Ahmed Eldanf ( Piacenza) : ……..merci, uomini-operai, logistica

23 settembre 2016

La tragica morte del lavoratore egiziano  Abd Elsalam Ahmed Eldanf, 53 anni e padre di cinque figli, avvenuta  la notte del 14 settembre, travolto da un Tir  sul luogo di lavoro – Lgs a Piacenza – durante una fase di rivendicazione sindacale, ha portato all’attenzione nazionale le condizioni di lavoro e la dinamica operativa di un segmento lavorativo rimasto sempre complessivamente marginale nella conoscenza collettiva, la Logistica, con tutti i settori correlati: carico, scarico, sistemazione, selezione e “marchiatura”, trasporto sulle lunghe e micro distanze, delle merci. Continua a leggere: In memoria di Abd Elsalam Ahmed Eldanf ( Piacenza) : ……..merci, uomini-operai, logistica

4 novembre, Pedara ( Ct ): Giorno dell’Unità Nazionale…e guerra civile spagnola

7 novembre 2015

 4 novembre  “Giorno dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate”. Territoriale, dalle Alpi a Capo Passero; nei sentimenti e nella cultura che caratterizzano i valori fondanti della Repubblica: civili e democratici, di libertà, giustizia, democrazia, antifascismo, solidarietà, accoglienza e pace. Scanditi in maniera indelebile dai postulati della nostra Costituzione, che tra l’altro all’art. 11 esalta il “ ripudio della guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”; con la memoria in particolare rivolta alla variegata schiera di patrioti che in tante maniere, già a partire da 150 anni addietro, hanno contribuito a costruire tra enormi difficoltà e contraddizioni la nostra società e cittadinanza, e ai martiri che hanno determinato la nascita della Repubblica: donne, uomini e giovani, sacrificatosi per la liberazione d’’Italia,  contribuendo in maniera sostanziale alla sconfitta della dittatura fascista,  della pratica razzista di dominio e sterminio, alla rinascita delle libertà nel nostro paese, al riscatto nazionale. Continua a leggere: 4 novembre, Pedara ( Ct ): Giorno dell’Unità Nazionale…e guerra civile spagnola

Catania 16 novembre 2013 Convegno “dallo sbarco alleato all’avvio della Resistenza” | ANPI CATANIA

9 novembre 2013

 

 

Catania 16 novembre 2013

Convegno

“Dallo sbarco alleato all’avvio della Resistenza”

 

 

Cattura

 

 

Catania 16 novembre 2013 Convegno “dallo sbarco alleato all’avvio della Resistenza”

Pubblicato il novembre 6, 2013 da anpict

ANPPIA Cattura

dal sito ANPI CATANIA Catania 16 novembre 2013 Convegno “dallo sbarco alleato all’avvio della Resistenza” | ANPI CATANIA.

Anpi news 94 – Con la Costituzione il nostro futuro

2 novembre 2013

Si è tenuta il 26 Ottobre a Bologna l’iniziativa “Con la Costituzione il nostro futuro”sulle riforme costituzionali.

Davanti ad una multiforme platea, il presidente dell’ANPI Smuraglia ha colto l’occasione per spiegare (ancora una volta, ma ce n’è sempre bisogno) le ragioni della nostra ferma contrarietà, rispetto non solo al disegno di legge costituzionale che “deroga” all’art. 138 della Costituzione, ma anche – nel merito – al progettato sistema di riforme costituzionali.

scarica anpi news 94 contente l’intervento di Carlo Smuraglia presidente nazionale dell’ANPI (Pdf)